Visitare Chichén Itzá da Cancún: 12 punti salienti, consigli e visite

A soli 200 chilometri a ovest della località turistica di Cancún si trova Chichén Itzá, considerato uno dei siti archeologici meglio restaurati del Messico. Con solo la più breve delle interruzioni, Chichén Itzá servì da sacro sito maya per oltre 700 anni, e dall'11 ° secolo era diventata la capitale politica e religiosa di un impero maya rivissuto sotto il dominio tolteco. Oggi Chichén Itzá, patrimonio mondiale dell'UNESCO, è una delle attrazioni turistiche più famose del paese che attira più di un milione di visitatori ogni anno e che assicura il suo posto nella lista da non perdere di tutti i viaggiatori diretti alla bellissima penisola dello Yucatan.

A partire dal Cancún, è una gita di un giorno facile a questa rovina Maya, con una varietà di opzioni di tour disponibili. Con un noleggio auto, puoi fare questa escursione da solo, anche se a seconda di quanto conosci la zona e le dimensioni del tuo gruppo, potrebbe essere più economico e più facile partecipare a un tour organizzato,

Vedi anche: Dove dormire vicino a Chichén Itzá

La storia di Chichén Itzá

La storia di Chichén Itzá

Mayan per "vicino al pozzo di Itzá", Chichén Itzá fu fondata intorno al 450 dC da tribù maya che emigrarono dal sud e si ritiene che sia rimasta occupata molto tempo dopo la loro partenza. La ricerca suggerisce che le tribù Tolteche provenienti dagli altipiani centrali messicani visitarono anche questa parte dello Yucatan nel settimo secolo, mescolandosi con la Maya residente. La fusione di queste civiltà avanzate portò a una rinascita dell'architettura maya in cui dominavano le influenze tolteche, portando alla notevole somiglianza di Chichén Itzá con la vecchia capitale tolteca di Tollán. Ai tempi della conquista spagnola nel 1533, Chichén Itzá era praticamente disabitata, anche se rimaneva un luogo di pellegrinaggio. Nel XIX secolo, il sito era diventato un luogo di pellegrinaggio diverso da quando gli archeologi di tutto il mondo visitarono e dissotterrarono molte delle sue strutture più importanti. La zona archeologica di Chichén Itzá copre otto chilometri quadrati, solo alcuni dei quali sono stati scavati.

12 punti salienti a Chichén Itzá

1 I Chacmools delle Rovine del Nord

I Chacmools of the Northern Ruins OliBac / foto modificati

Le influenze Tolteche a Chichén Itzá sono viste principalmente negli edifici che compongono il gruppo settentrionale, compresi i famosi Chacmools del sito, statue di figure distese che reggono vasi sacrificali con le teste rivolte a un lato che fungevano da guardiani del tempio. Altre notevoli statue tolteche sono Los Atlantes, sculture in pietra di guerrieri che sostengono i tetti e gli altari del tempio del sito. Vedrai anche molti riferimenti al serpente piumato, Kukulkán, insieme a scene di battaglie e sacrifici, che appaiono molto più spesso qui di quanto non lo sia nella pittura classica Maya.

2 El Castillo: The Pyramid of Kukulkán

El Castillo: The Pyramid of Kukulkán

La Piramide di Kukulkán (El Castillo) domina la parte settentrionale del sito ed è stata costruita secondo rigorose regole astronomiche e astrologiche. Alta 30 metri, questa piramide a quattro lati ottimamente restaurata colpisce per la sua semplicità classica. Le caratteristiche notevoli includono il suo terrazzamento a nove livelli e quattro scalinate, una per lato, che simboleggiano i nove cieli ei quattro punti cardinali. Interessanti anche le grandi teste di serpente ai piedi delle scalinate che conducono alla piattaforma superiore su cui si erge l'attuale Tempio di Kukulkán, l'ingresso principale affiancato da una coppia di colonne di serpenti Toltechi (fu scoperto un puro tempio in stile maya sotto il tempio, incoronando una piramide ancora più antica).

Per un'esperienza davvero indimenticabile, prova a pianificare la tua visita in coincidenza con gli equinozi (21 marzo e 21 settembre / 22) quando la piramide di Kukulkán diventa la scena di uno spettacolare spettacolo di ombre, mentre il sole calante cade agli angoli dei nove di El Castillo terrazze e getta un'ombra ondeggiante sul muro rivolto a ovest della scala nord. Correndo lungo il bordo fino alla grande testa del serpente ai piedi della piramide, l'effetto è di un enorme serpente che striscia verso terra.

3 Tempio dei Guerrieri

Tempio dei Guerrieri

In piedi su una piattaforma a est di El Castillo si trova il Tempio dei Guerrieri (Templo de los Guerreros), una magnifica struttura che comprende diverse ampie sale con colonne che imitano inequivocabilmente la versione più grande del Tempio della Stella del Mattino a Tula. Diverse file di pilastri quadrati proteggono il piede della scala, nella parte superiore della quale si accarezza un Chac-mool. L'ingresso principale del tempio è di nuovo affiancato da due enormi colonne di serpenti, teste a terra e code rivolte verso il cielo. Dietro di loro, quattro atlanti sostengono un grande altare di pietra dove gli archeologi hanno scoperto i resti di un precedente, più piccolo Tempio dei Guerrieri nascosto all'interno della piramide.

4 La Sala delle Mille Colonne

La Sala delle Mille Colonne

Adiacente al Tempio dei Guerrieri sul lato sud si trova la Sala delle Mille Colonne (Grupo de las Mil Columnas), che si ritiene abbia servito da mercato al coperto o luogo di riunione. Nelle vicinanze si trova un campo da calcetto (Juego de Pelota); il Mercado (mercato); e un bagno di vapore (Temazcalli), di cui si possono ancora vedere il vestibolo, il bagno stesso e la stanza di riscaldamento.

5 La tomba di Chacmool

La tomba di Chacmool

Un centinaio di metri a nord di El Castillo si trova la Tomba di Chacmool (Tumba del Chacmool) dove, più di 100 anni fa, l'archeologo francese Le Plongeon trovò una figura di pietra, che battezzò Chac-mool.La struttura è anche conosciuta come la piattaforma Venus per via dei suoi interessanti rilievi che raffigurano sia il simbolo di Kukulkán che quello della stella del mattino.

6 Acque sacrificali: Cenote Sagrado

Acque sacrificali: Cenote Sagrado

A nord della Tomba di Chacmool, una strada rialzata larga sei metri corre per 300 metri fino al grande cenote sacro - Cenote Sagrado, o Cenote de los Sacrificios - la cui esistenza fu probabilmente la ragione per cui i Maya si stabilirono qui. Questa buca naturale quasi perfettamente rotonda è di 60 metri di diametro, con i suoi lati che scendono a 24 metri dalla superficie dell'acqua sottostante, profonda circa 82 metri.

Dal settimo secolo fino a dopo la conquista spagnola, il cenote era un luogo di pellegrinaggio, con il bagno di sudore al bordo dell'acqua che serve una funzione rituale, e in tempi di siccità oggetti preziosi e persino sacrifici umani gettati come offerte alla pioggia Dio Chac. Tra il 1904 e il 1907, furono effettuate diverse immersioni esplorative che trovarono 50 scheletri umani - per lo più uomini e bambini - insieme a numerosi artefatti di ceramica, pietra, oro, rame e giada. Un'ulteriore esplorazione negli anni '60, condotta a profondità maggiori, ha portato alla luce altri 4000 di questi oggetti, alcuni realizzati in copal (resina), insieme a bambole di gomma e legno e ossa umane e animali.

7 Tzompantli: The Wall of Skulls

Tzompantli: The Wall of Skulls

Non lontano da Cenote Sagrado è una grande piattaforma quadrata chiamata Tzompantli (Náhuatl), il Muro dei Teschi. Questo luogo piuttosto raccapricciante serviva da base per la posta in gioco sulla quale venivano decapitati i capi decapitati di sacrifici umani, da cui i rilievi costituiti da file di teschi che decoravano i lati. Accanto a Tzompantli si trova una piattaforma più piccola conosciuta come la Casa delle aquile (Casa de los Aguilas), la sua scalinata abbellita da serpenti di pietra e le sue pareti ornate da rilievi di aquile e giaguari che stringono i cuori umani nei loro artigli, simboli dei due ordini del guerriero tolteco.

8 Le corti di palla

Le corti di palla

Come la maggior parte delle città Maya, Chichén Itzá aveva diverse arene costruite per giochi di palla rituali. Sette di questi tribunali sono stati trovati, il più grande misura 146 metri per 37 metri con pareti verticali alte quasi nove metri, al centro del quale si trova un pesante anello di pietra con ornamenti di serpenti. Il gioco prevedeva di colpire una palla di gomma dura attraverso gli anelli di pietra usando solo il gomito, il ginocchio o l'anca, mentre la palla, che rappresenta il sole, non era autorizzata a toccare il terreno per timore che il suo corso simbolico venisse interrotto. Le trasgressioni portarono al perdente sacrificato ritualmente, la cui prova si può vedere nei rilievi sui pannelli che decorano le basi delle pareti mostrando i giocatori decapitati. Interessanti anche i piccoli templi - l'Edificio Sur e il Templo Norte - dedicati agli dei del Sole e della Luna.

9 Il tempio dei giaguari

Il tempio dei giaguari

Il Tempio dei Giaguari (Templo de los Tigres) occupa una piattaforma costruita nel muro sud-est del campo da ballo e prende il nome dall'animale in pietra scolpita nel santuario inferiore. Il tempio superiore, raggiunto da una ripida scalinata laterale, guarda verso ovest sul campo da gioco. Come nel Tempio dei Guerriericolonne di serpenti fiancheggiano l'ingresso. Interessante è anche la facciata con i suoi fregi, la maggior parte dei quali raffigurano giaguari, mentre all'interno sono ancora visibili murales che rappresentano una battaglia tra i Maya e i Toltechi.

10 La tomba del sommo sacerdote

La tomba del sommo sacerdote

Nel gruppo meridionale di edifici che comprende quello che è noto come Old Chichén (Chichén Viejo) è la Tomba del Sommo Sacerdote (Tumba del Gran Sacerdote). Quando fu scavata, questa piramide alta 10 metri conteneva sette tombe e alcuni preziosi manufatti.

11 Caracol: The Observatory

Caracol: The Observatory

A poca distanza dalla Tomba del Sommo Sacerdote è uno degli edifici più interessanti di Chichén Itzá, il Caracol (lumaca), che si pensa sia stato un osservatorio. All'interno dell'edificio circolare si trova una piattaforma a due livelli e un passaggio che si inerpica verso l'alto in una spirale che sale dolcemente. Di particolare interesse sono le strette fessure nelle pareti, posizionate in modo da consentire ai raggi del sole di penetrare nell'edificio per alcuni secondi due volte all'anno, un metodo semplice ma affidabile utilizzato dai sacerdoti per determinare con precisione la data.

12 Il convento

Il convento

Il convento (Edificio de las Monjas) è un superbo esempio di stile Maya Chenes, con quasi ogni centimetro della facciata decorata con simboli del dio della pioggia maya, Chac. La cosiddetta Chiesa (Iglesia) è un esempio particolarmente raffinato dell'architettura Puuc, uno stile antico in cui le facciate sono decorate con motivi geometrici, animali e maschere Chac.

Altri edifici

Altri edifici Dennis Jarvis / foto modificata

Anche di interesse è il Tempio dei pannelli (Templo de los Tableros), con i suoi splendidi rilievi di guerrieri e giaguari toltechi, così come Costruzione della scrittura sconosciuta (Akab Dzib), così chiamato a causa dei caratteri indecifrabili sopra la porta della seconda stanza. Altri edifici degni di nota sono i Temple of the Window Architrave (Templo de los Dinteles), la casa rossa (Casa Colorada o Chichan-chob), e il Cenote Xtoloc, un antico serbatoio.

Dove alloggiare vicino a Chichén Itzá

Consigliamo questi hotel e resort di grande valore nella giungla vicino a Chichén Itzá:

  • Hacienda Chichen: lusso in stile coloniale, posizione fantastica, giardini lussureggianti, bella terrazza con giardino.
  • Hotel & Bungalows Mayaland: resort nella giungla di medio livello, splendidi giardini, piscine con palme, equitazione, spa meravigliosa.
  • Hotel Okaan: rifugio olistico conveniente, impostazione della foresta pluviale remota, piscina a più livelli, centro termale medico.
  • Hotel Dolores Alba Chichen: hotel economico, camere pulite, piscina cenote, colazione inclusa.

Suggerimenti e tour: come sfruttare al meglio la vostra visita a Chichén Itzá

  • Tour di una giornata da Cancún e Playa del Carmen: Il modo migliore per vedere Chichén Itzá è in una visita guidata. Il sito avrà molto più significato con una guida esperta e professionale per indicare i dettagli e spiegare la storia. Un tour eccezionale, gestito da due località, è l'accesso anticipato a Chichén Itzá con un archeologo privato di Cancún e l'accesso anticipato a Chichén Itzá con un archeologo privato di Playa del Carmen. Questi sono gli stessi tour ma partono da città diverse. Da Cancún è una gita di un giorno di 10 ore e da Playa del Carmen è un tour di nove ore. Il tour include il ritiro e la riconsegna dell'hotel, l'accesso anticipato al sito, l'accesso a parti delle rovine non accessibili al pubblico in generale e una visita guidata del sito con un archeologo.
  • Visitando da soli: Puoi noleggiare un'auto e guidare a Chichén Itzá da Cancún da solo. Il percorso più veloce è lungo una strada a pedaggio molto diritta e noiosa (180) che impiegherà poco più di due ore per tratta. Non c'è nulla da vedere lungo questa rotta, ma è veloce. Da Playa del Carmen prendere la 180D, che è anche una strada a pedaggio. In alternativa, puoi prendere l'autostrada senza pedaggio, che attraversa numerose città lungo la strada. È più scenografico ma è ridicolmente lento e può aggiungere un'ora o più in ogni modo al tuo viaggio. Se vuoi vedere le città, prendi la strada a pedaggio in un modo e l'autostrada gratuita durante il viaggio di ritorno.

Cosa c'è nelle vicinanze?

Mentre c'è più che sufficiente per tenervi occupati quando visitate Chichén Itzá, quelli con un po 'più di tempo possono migliorare ulteriormente l'esperienza visitando le vicine comunità Maya, con la loro cucina tradizionale, le cerimonie religiose e le arti tradizionali, di solito meglio realizzate come parte di un pernottamento. Una vicina attrazione vale la pena visitare Balankanche, con le sue numerose grotte antiche e le grandi collezioni di ceramiche e idoli, parte di un vasto labirinto di caverne sotterranee e corsi d'acqua. Interessante anche la cinquecentesca chiesa di San Bernardino nella città di Valladolid, 42 chilometri a est di Chichén Itzá. La città è anche famosa per i suoi cenotes, pozze d'acqua naturali accessibili tramite una passerella che scende in riva al mare circa 45 metri più in basso. Particolarmente popolare è Cenote Dzitnup, un posto delizioso con acqua calda blu cobalto.

Mappa di Chichen Itza