14 attrazioni turistiche top-rated in Martinica

Distintamente francese, la Martinica offre un mix seducente di magnifiche spiagge, montagne spettacolari, giardini tropicali e una storia affascinante. Fort-de-France è la città principale e la capitale, dove è possibile esplorare le attrazioni architettoniche e conoscere il passato pre-colombiano e coloniale dell'isola nei musei della città. Per un toccante promemoria del potere della natura, è possibile visitare Saint-Pierre, una città costruita tra le rovine dell'ex capitale della Martinica, che fu completamente distrutta dall'eruzione del 1902 del Monte Pelée. La vetta impennata del vulcano offre uno sfondo rigido alle città e alle spiagge circostanti.

Le attività più attive da fare in Martinica includono le immersioni, lo snorkeling e le escursioni lungo l'ampio sistema di sentieri, le cascate del passato e il paesaggio lussureggiante. Tuttavia, molti turisti vengono semplicemente a crogiolarsi sulle favolose spiagge, a gustare la raffinata cucina francese e creola e ad assaporare un delizioso gusto della Francia ai tropici. La Martinica è un dipartimento della Francia, l'equivalente di uno stato o di una provincia, e la valuta locale è l'euro.

1 Balata Botanical Garden

Balata Botanical Garden

Creato da un appassionato orticoltore, il Balata Botanical Garden (Jardin de Balata) vicino a Fort-de-France, ospita oltre 3.000 specie di piante e fiori tropicali che scendono a valle, oltre gli stagni punteggiati da ninfee e fiori di loto. I ponti di corda in legno sollevati sospesi tra le cime degli alberi danno una vista aerea sui rigogliosi giardini mentre i colibrì ronzano nell'aria fragrante. Un sacco di panchine sono nascoste tra le foglie per rilassarsi e ammirare le splendide viste sulle montagne incorniciate dai giardini.

Indirizzo: Km 10, Route de Balata, Fort-de-France

Sito ufficiale: http://www.jardindebalata.fr/

2 Les Salines

Les Salines

A poca distanza a sud di Sainte-Anne, Les Salines è forse la più bella e famosa delle numerose spiagge della Martinica. Chiamato per il vicino laghetto salino, questo tratto di costa di un chilometro all'estremità meridionale della Martinica è una cartolina da cartolina del classico scenario caraibico con acque calme e soffice sabbia bianca. Le palme da cocco ad arco incorniciano le vedute del mare e forniscono toppe perfette di ombra dove puoi stendere un asciugamano e crogiolarti in tutta la bellezza. Les Salines può essere affollata di famiglie durante il fine settimana, ma tende ad essere un po 'più tranquilla durante la settimana. I venditori vendono pranzi e bevande dietro la spiaggia.

Indirizzo: Ste-Anne

3 Fort-de-France

Fort-de-France

Sebbene non sia ricca di attrazioni turistiche, la vivace città di Fort-de-France è la capitale della Martinica, il porto principale e punto di partenza per avventure sull'isola. Il centro è disposto a fianco di Place de la Savane, dove si trova una statua di Napoleone Imperatrice Giuseppina, un'isola nativa. La statua è stata vandalizzata così spesso per protestare contro la sua influenza nel preservare il commercio di schiavi in ​​Martinica che la città ha smesso di tentare le riparazioni, e lei rimane senza testa. Ironia della sorte, si affaccia sul colorato e finemente decorato Bibliothèque Schoelcher, chiamato per Victor Schoelcher, un attivista per l'abolizione della schiavitù nelle colonie francesi. L'edificio fu costruito a Parigi e mostrato nel 1889 World Exposition prima di essere smontato e spedito in Martinica.

Altre attrazioni architettoniche includono Fort Royal (Fort Saint Louis), risalente al 1638; il Palais de Justice e il Cathédrale Saint-Louis con la sua guglia distintiva. Il Musée Départemental d'Archéologie a Fort-de-France mostra la storia precolombiana dell'isola, mentre il Musée Régional d'Histoire et d'Ethnographie presenta arredi creoli, abbigliamento, gioielli e strumenti musicali. Il mercato affollato è un buon posto per trovare frutta e spezie coltivate localmente, oltre a teli mare colorati; il mercato artigianale del porto è più attivo quando le navi da crociera sono in porto.

4 Les Trois-Ilets

Les Trois-Ilets | Foto Copyright: Stillman Rogers Photography

Sul lato opposto della baia, a sud di Fort-de-France, Les Trois-Ilets è una rinomata zona turistica, con alberghi, ristoranti e numerose attrazioni che illustrano la storia e la cultura dell'isola. Due di questi si concentrano sulle precedenti industrie: canna da zucchero e ceramica. Village de la Poterie des Trois-Ilets è un grande complesso ospitato in un ex cantiere ceramico dove sono state realizzate tegole. Oggi gli edifici ospitano studi artigianali e negozi, ristoranti e un centro sportivo dove è possibile fare escursioni in kayak. Piccole boutique vendono vestiti, saponi fatti localmente, arte e artigianato locale. Tra gli artigiani ci sono creatori di gioielli, ceramisti e artisti che creano dipinti di sabbia contemporanei usando i molti colori della terra e della pietra locali.

Vicino ai cantieri della ceramica Maison de la Canne (Casa dello zucchero) in una vecchia fabbrica di zucchero. Qui, puoi conoscere la produzione di zucchero e la sua storia, dalla tratta degli schiavi alla sua successiva industrializzazione. Pointe du Bout è un centro turistico, dove troverete la maggior parte degli hotel, insieme a boutique, gelaterie e punti ristoro. Un servizio di traghetto spola avanti e indietro attraverso la baia fino a Fort-de-France. A ovest di Pointe du Bout, i turisti affollano le sabbie cremose di Anse Mitan, una delle migliori spiagge dell'isola.

5 Saint-Pierre

Saint-Pierre

Con una vista spettacolare del vulcanico Monte Pelée, Saint-Pierre è costruita tra le rovine del vecchio Saint-Pierre. La città era un tempo la città principale e il porto della Martinica, una bella città un tempo conosciuta come la Perla delle Indie Occidentali fino a quando il Pelée eruttò nel 1902.L'esplosione vulcanica distrusse la città e uccise tutti i 30.000 abitanti, ad eccezione di un prigioniero, che era protetto dalle sue spesse mura cellulari. Oggi, puoi passeggiare tra alcune delle rovine di pietra, tra cui la cella della prigione del sopravvissuto, il vecchio teatro e le rovine di Le Figuier - un gruppo di case a un piano. Prendi in considerazione la possibilità di prendere il treno turistico dal porto mentre Saint-Pierre si trova su una ripida collina, ed è una lunga e calda salita tra le rovine. Fermati all'ufficio turistico per una mappa utile.

Sulla collina sopra Le Figuier, il Museo Vulcanologico di una stanza (Musée Volcanologique) mostra i resti carbonizzati di oggetti recuperati dalla città vecchia e dal porto e fornisce un ricordo tangibile della tragedia. Tutti tranne una delle barche ancorate nel porto affondò nell'onda anomala che seguì l'eruzione. L'area è ora popolare tra i subacquei che vengono per immergersi nei relitti.

Alloggio: dove alloggiare in Martinica

6 Escursioni in barca da Pointe du Bout

Giri in barca da Pointe du Bout | Foto Copyright: Stillman Rogers Photography

Una delle cose più popolari da fare in Martinica è andare in crociera, e bello Baia di Fort-de-France è il punto di partenza per gite in barca di tutti i tipi. Crocieri, barche, barche a vela, catamarani e altre imbarcazioni partono dall'enclave turistica di Pointe du Bout e da altri luoghi di Trois Ilets, sulla riva sud della baia. Crociere con i delfini sono tra i più popolari e puoi aderire escursioni guidate in kayak nelle foreste di mangrovie da Pointe du Bout o da Village de la Poterie des Trois-Ilets.

Indirizzo: Pointe du Bout, Les Trois-Ilets

7 Château Dubuc e la penisola della Caravelle

Château Dubuc e la penisola della Caravelle

Le rovine di Château Dubuc, la grandiosa ex casa della ricca famiglia Dubuc che possedeva la penisola durante il XVIII secolo, sono circondate dai resti della loro vasta raffineria di zucchero. Nessun altro posto sull'isola racconta la storia di una volta l'industria del faro, così bene, e certamente non in un ambiente così bello. Un'innovativa mappa cliccabile attiva l'audio-guida gratuita per descrizioni dettagliate in inglese, spiegando ciascun sito e cosa è successo qui, dalla macinazione del bastone grezzo alla spedizione di melassa dal molo della piantagione.

Gli amanti della natura troveranno molte cose da vedere e da fare nella penisola di Caravelle, nella parte orientale della Martinica. Sentiero naturalistico La Caravelle, vicino all'ingresso di Château Dubuc, è una camminata di un'ora attraverso foresta di mangrovie con vista sulla frastagliata costa orientale. La riserva naturale che protegge la penisola comprende oltre 150 specie di piante locali e molte specie di uccelli. La città di Tartane si estende lungo a spiaggia di nuoto, di fronte a una fila di ristoranti. I surfisti troveranno alcune delle migliori onde della Martinica nelle vicinanze. Sulla collina sopra, ma a pochi passi dalla spiaggia, il lussuoso resort boutique del Coco francese è immerso in rigogliosi giardini e offre una cucina raffinata.

Indirizzo: Tartane, La Trinité, Martinica orientale

8 Route de la Trace a Morne Rouge

Route de la Trace a Morne Rouge Gaël Chardon / foto modificata

La panoramica Route de la Trace (autostrada N3) corre a nord di Fort-de-France attraverso la rigogliosa foresta pluviale interna fino a L'Ajoupa-Bouillon, sul lato del monte Pelée. Tagliata dai gesuiti nel 1600, la strada si snoda lungo i vulcanici Pitons du Carbet (montagne di Carbet), con sentieri escursionistici segnalati che portano alle loro cime. Appena a nord di Fort-de-France, su una collina, Chiesa del Sacro Cuore di Balata è una replica di piccole dimensioni della Basilica del Sacro Cuore a Parigi, in Francia, con una splendida vista sulla città. Il famoso Jardin de Balata (Balata Botanical Garden) è appena oltre.

Proseguendo verso nord, il percorso passa attraverso Morne Rouge, la città più alta della Martinica, vicino al Monte Pelée. Il 30 agosto 1902 un grande flusso piroclastico seppellì Morne Rouge uccidendo quasi 1.500 persone solo pochi mesi dopo l'esplosione vulcanica a Saint-Pierre. Chiamato per il suo terreno vulcanico di colore rosso, Morne Rouge è ora un sito di pellegrinaggio. Una piccola cooperativa sul lato nord della città vende saponi artigianali, gioielli e altri oggetti artigianali. La Chaudière, uno dei migliori ristoranti della Martinica, si trova sul bordo meridionale del Morne Rouge.

9 Musée de la Pagerie

Musée de la Pagerie

Ex tenuta di zucchero, il Musée de la Pagerie è stato il luogo di nascita di Marie Joseph Rose Tascher de la Pagerie, che in seguito sarebbe diventata l'imperatrice giuseppina di Napoleone. Il cottage in pietra è stato parzialmente restaurato e contiene alcuni oggetti personali di Josephine, tra cui un certificato di matrimonio e lettere d'amore di Napoleone. Le guide, alcune delle quali parlano inglese, raccontano storie affascinanti sull'infanzia di Giuseppina e sul suo matrimonio combinato con il famoso imperatore francese. È inoltre possibile visitare una piccola cucina e un giardino.

Un tour del Musée de la Pagerie dà un'immagine della vita coloniale della Martinica nel XVIII secolo, ma racconta solo metà della storia. Per una foto di come fosse la vita per gli schiavi che hanno fatto il lavoro vero e proprio che ha tenuto in funzione la piantagione, visita La Savane des Esclaves, nelle vicinanze. Qui, un villaggio di schiavi ricostruito di capanne tradizionali con pavimenti in terra e tetti di foglie di canna da zucchero racconta la storia della schiavitù in Martinica. Sculture in mogano intagliato illustrano la vita degli schiavi, i tentativi di fuga e la liberazione finale. Anche qui ci sono mostre su abilità e cibi tradizionali, come cacao, manioca e succo di canna da zucchero, oltre a un giardino di frutta, verdura e piante medicinali da cui dipende la loro vita.

Indirizzo: Quartier Pagerie, Trois-Ilets

10 Zoo Martinica e Le Carbet

Zoo della Martinica

A circa dieci minuti di auto a nord di Le Carbet, lo Zoo Martinique - Habitation Latouche è un'attrazione per famiglie incastonata tra i giardini botanici e le rovine di un'antica piantagione di zucchero. La splendida cornice è deliziosa come il piccolo zoo. Sentieri e ponti di corda si snodano tra le rigogliose piante tropicali e le grandi recinzioni di animali ben progettate sono spesso costruite attorno alle rovine atmosferiche. I punti salienti includono le scimmie, i giaguari, i procioni e la possibilità di interagire con i lorichetti arcobaleno colorati. Si noti che si ottiene uno sconto quando si visita sia Jardin Balata e Zoo Martinica.

Dopo aver visitato lo zoo, è possibile esplorare la vicina città di Le Carbet, che divenne parrocchia già nel 1645 ed è il presunto sito di atterraggio di Cristoforo Colombo il 15 giugno 1502. È anche la città in cui visse e dipinse Gauguin nel 1887.

Ubicazione: Anse Latouche, Le Carbet

11 Sainte-Anne

Sainte-Anne

Cosparsa di insenature con palme, Sainte-Anne ha la particolarità di essere il villaggio più meridionale dell'isola e uno dei più belli. Negozi, ristoranti e un mercato artigianale sono qui, ma le attrazioni principali sono le spiagge. A sud di Sainte-Anne, all'estremità della penisola, si trovano i paesaggi drammatici della terra rossa di Savane Des Petrifications, che puoi esplorare sui sentieri di Anse a Prunes. Una delle località più esclusive e classificate dell'isola, il Club Med Buccaneer's Creek Sainte-Anne si trova sul lungomare.

12 Escursioni sul Monte Pelée

Escursioni sul Monte Pelée

Vulcano attivo, il Mount Pelée eruttò l'8 maggio 1902, distruggendo la vicina città di Saint-Pierre e uccidendo migliaia di persone. Il vulcano è attualmente in una fase tranquilla, e si può salire in vetta e nelle giornate limpide godere di una vista spettacolare sull'Atlantico, sulle montagne circostanti e sulla vicina isola di Dominica. Le escursioni del mattino presto sono di solito premiate con meno copertura nuvolosa per oscurare le viste. Percorsi di varia difficoltà iniziano a Morne Rouge, Ajoupa-Bouillon, Grand Rivière, Le Prêcheur e Macouba. Il sentiero più popolare è quello di Ajoupa Bouillon. Tutti i sentieri richiedono scarpe da trekking e possono essere pericolosi dopo le piogge. Assicurati di controllare le previsioni del tempo prima di partire.

13 Diamond Rock

Diamond Rock

Salendo quasi dritto sopra il mare, a tre chilometri dalla costa meridionale della Martinica, il drammatico Diamond Rock è il luogo di un'insolita fetta di storia navale. Nel 1804, gli inglesi abbandonarono i marinai sull'isola vulcanica e registrarono la roccia come una nave, l'HMS Diamond Rock. Dopo 17 mesi di attacchi infruttuosi, i francesi hanno usato una strategia creativa per sopraffare i marinai e riprendersi la roccia. Oggi questo tumulo vulcanico segna uno dei migliori siti di immersione dell'isola. I visitatori possono imparare tutto sulla sua storia intrigante nella vicina città di Le Diamant.

Arroccato su una collina che domina Diamond Rock e la bellissima Diamond Beach, Le Mémorial de l'Anse Caffard (Anse Cafard Slave Memorial) rende omaggio alle vittime del tragico naufragio del 1830 al largo della costa sud-occidentale della Martinica che ha ucciso molti dei passeggeri, compresi i 20 schiavi incatenati alla barca. Oggi è possibile visitare le 20 statue che guardano il mare, un toccante promemoria della turbolenta storia di questa bellissima isola.

Indirizzo: Southwest Martinica

14 Gorges de la Falaise

Ajoupa Bouillon

Vicino al villaggio di Ajoupa-Bouillon, ai piedi del monte Pelée, Gorges de la Falaise è una serie di piccole gole lungo il fiume Falaise, che conducono ad una bellissima cascata. L'escursione inizia con una ripida discesa e una traversata, ma una volta scesi nella gola, le guide sono a disposizione per aiutarti a superare la sezione di acque profonde (a volte molto profonde) che guada verso le cascate, dove puoi nuotare sotto l'acqua scrosciante. Scarpe da trekking impermeabili sono essenziali, ed è anche una buona idea portare un costume da bagno, un asciugamano e una fotocamera impermeabile. L'intera escursione è solo di circa un chilometro a tratta, ma l'esperienza è piuttosto faticosa, soprattutto quando l'acqua è alta.

Anche in Ajoupa-Bouillon Les Ombrages è un centro di natura con sentieri attraverso la fauna autoctona lungo un fiume. Diversi giardini - creolo, caraibico, heliconia e il giardino di Calabash - sono piantati per mostrare varie specie indigene, con segni interpretativi che mostrano come gli umani e la natura hanno interagito qui.

Altre isole da non perdere vicino alla Martinica

La Martinica si trova a metà strada tra Santa Lucia e Dominica, nelle Piccole Antille, che separano il Mar dei Caraibi dall'Oceano Atlantico. Il nord della Dominica è la Guadalupa, anche un dipartimento della Francia, mentre a sud di St. Lucia si trova St. Vincent e Grenadine. A sud c'è Grenada, e le Barbados, con la vivace capitale di Bridgetown, si trovano ad ovest. Tutte queste isole sono conosciute per le loro splendide spiagge e resort di lusso.