Il sito, il museo e la storia di Gordion

Gordion Site, Museum, and History

Mito e storia

Nel villaggio di Yassıhöyük, a circa 100 chilometri a sud-ovest di Ankara, Gordion è l'ex capitale della dinastia dei Frigi. È famoso per la storia di Gordian Knot, ma la sua storia si estende molto più indietro di così. Gli scavi nell'area circostante mostrano che questa regione era già insediata nella prima età del bronzo (2500 aC), mentre un cimitero scoperto sotto la necropoli frigia suggerisce una successiva presenza ittita.

I frigi sono ritenuti dagli studiosi uno dei cosiddetti "popoli del mare", che hanno invaso l'Asia Minore intorno al 1200 aC in una serie di invasioni. Le fonti assire risalenti a circa il 1100 aC si riferiscono a loro come ai Mushki o ai Mosher e affermano che si stabilirono su entrambi i lati del fiume Kızılırmak in Anatolia, da dove iniziarono a minacciare i loro vicini orientali.

I reperti frigio risalgono a Gordion a partire dalla metà del IX secolo aC. Fonti greche hanno conservato la leggenda della fondazione della dinastia frigia e della sua capitale, che inizia quando un contadino di nome Gordius impegnato ad arare il suo campo fu sorpreso da uno stormo di uccelli che scendeva intorno ai suoi buoi. Desideroso di apprendere il significato di questo presagio, si mise a consultare gli auguri in una città vicina. Lungo la strada, incontrò una bella donna che gli disse che gli uccelli erano un segno del suo destino reale e gli offrì la sua mano in matrimonio. Poi Gordius guidò il suo carro trainato da buoi verso il tempio, dove fu subito salutato come re dalle persone della città dopo che un oracolo profetizzò che la prima persona che avrebbero visto arrivare al tempio sarebbe stato il loro re. Poi Gordius mise il suo carro da buoi nella tempia, attaccando il giogo all'albero con una cinghia lunga e intrecciata, che diventerebbe nota come il nodo gordiano. Questo nodo elaborato non aveva una fine visibile ed era considerato impossibile da svelare. Secondo la leggenda, chiunque riuscisse sarebbe diventato il sovrano dell'Asia Minore.

Il più famoso sovrano frigio era il re Mida, figlio di Gordius che, nella mitologia greca, trasformò tutto ciò che toccava in oro. La dinastia dei Frigi non doveva durare. Frigia fu invasa da Cimmeri e Sciti tra il 700 e il 670 aC, e dalle macerie del Regno di Frigia emerse l'Impero Lidia, sotto gli auspici di cui la cultura frigia era, per un periodo, conservata. Nel 546 aC, la dinastia achemenide persiana sconfisse i Lidi e costruì un nuovo insediamento a Gordion. Un terremoto distrusse la città nel 400 aC, e quando Alessandro Magno arrivò qui nel 334 aC, Gordion era poco più di un villaggio.

L'originale carro da buoi di Gordius era ancora legato sulla collina della cittadella di Gordion accanto al tempio quando arrivò l'ambizioso Alessandro. Risolvendo per compiere la profezia del Nodo Gordiano, si dice che Alessandro Magno abbia tagliato il nodo in due con la sua spada (secondo lo storico greco Aristobulo di Cassandreia, Alessandro invece rimosse il piolo tenendo l'asta, liberando così la fine del nodo) . In ogni caso, Alessandro Magno continuò a conquistare l'Asia Minore e la leggenda della profezia di Gordian Knot si avverò.

Quando gli archeologi, guidati da Rodney S. Young della Pennsylvania University, iniziarono i lavori di scavo nel 1953, il fiume Sakarya aveva depositato uno strato di sedimento di diversi metri di spessore sulle rovine della città bassa di Gordion. Nel 1963 erano stati dissotterrati 169 vasi di bronzo e 175 fibule in bronzo (spille ornamentali). Non c'era traccia, tuttavia, del leggendario tesoro frigio, che si presume fosse stato preso dai Cimmeri.

Il sito

Ingresso tomba di Midas Dennis Jarvis / foto modificata

Acropoli

Nella città alta di Gordion, gli archeologi hanno portato alla luce un'imponente porta della città dall'VIII secolo a. Conservato ad un'altezza di oltre nove metri, è una testimonianza della raffinatezza dell'architettura in pietra frigia. Altri reperti di quell'epoca includono le fondamenta in pietra di a complesso del palazzo, una volta che sostiene muri di mattoni di fango su una struttura di legno. In tre dei quattro edifici in stile megaron, con un focolare, un'anticamera e una sala principale, sono stati trovati dei mosaici. Un secondo cancello scavato qui risale al periodo persiano.

Tumulo di Midas

Per i turisti, questa è l'attrazione numero uno di un giro turistico a Gordion. Il cosidetto Tomba di Midas fu eretto all'inizio del VII secolo aC al più presto, e con un'altezza di 53 metri e un diametro di 250 metri, è il più grande del suo genere in Anatolia.

Sul lato sud-ovest, un passaggio lungo 70 metri conduce al Camera mortuaria39 metri sotto la cima del tumulo. Questa camera, nascosta sotto una massa di blocchi di pietra calcarea, è stata scoperta nel 1957 con le sue travi in ​​legno originali e il tetto a capanna ancora intatto. Quando gli archeologi sono entrati nella tomba, hanno trovato lo scheletro intatto di un uomo, a circa 60 anni, con i suoi vestiti fissati con fibule di bronzo ben conservate (in totale 175 di questi oggetti di bronzo sono stati scoperti all'interno della camera funeraria). Intorno al corpo, i tavoli erano carichi di ricche doti.

Altre tombe

Altri tumuli più piccoli nelle vicinanze contengono tombe risalenti al periodo 725- 550 aC. La cosiddetta Tomba dei bambini a sud-est del museo ha prodotto alcuni tesori piuttosto speciali, tra cui mobili in legno, rilievi in ​​avorio e intagli in legno di bosso.

Museo di Gordion

Il piccolo Museo di Gordion, di fronte alla tomba di Midas, mostra reperti del sito, tra cui statue di bronzo, gioielli in vetro e un'estesa collezione di monete.

Ubicazione: il sito archeologico di Gordion si trova nel villaggio di Yassıhöyük, a circa 100 km a sud-ovest di Ankara.