10 migliori attrazioni turistiche ad Assisi e Easy Day Trips

Quando l'UNESCO ha iscritto le attrazioni francescane ad Assisi nella lista dei siti del patrimonio mondiale, ha citato il modo in cui la città ha influenzato sia l'espressione religiosa che la storia dell'arte europea. È l'intreccio di queste due caratteristiche che rendono questa città medievale un importante punto di riferimento per i turisti. Come luogo di nascita di San Francesco e al centro di gran parte del lavoro della sua vita, è intrecciato con l'ordine francescano, che ha stabilito. La sua vita e il suo lavoro hanno ispirato grandi artisti - Giotto, Cimabue, Andrea da Bologna e Simone Martini tra loro - e le loro opere nella basilica a lui dedicate hanno raccontato la sua storia di vita ai fedeli per otto secoli. Ma in mezzo al tesoro dell'arte che assiste Assisi, non trascurare le sue suggestive strade medievali e il castello eccezionale in cima a questa città collina umbra.

Vedi anche: Dove dormire ad Assisi

1 Basilica di San Francesco (Basilica di San Francesco)

Basilica di San Francesco (Basilica di San Francesco)

L'imponente basilica costruita sulla tomba di San Francesco d'Assisi all'inizio del XIII secolo è una delle destinazioni di pellegrinaggio più importanti d'Italia e del mondo. Papa Gregorio IX posò la prima pietra il giorno dopo che san Francesco fu canonizzato, il 17 luglio 1228. Sono in realtà due chiese, quella inferiore con la pesante volta tardoromanica e quella superiore con la stessa pianta, ma il gotico verticale svettante Linee. Completato nel 1253, è la più antica chiesa gotica d'Italia. La basilica subì gravi danni da terremoto nel 1997 e non fu riaperta fino al 1999, ma il danno fu limitato alla chiesa superiore.

Entrambe le chiese sono decorate con bellissimi affreschi del 13 ° e 14 ° secolo. Nella prima cappella della chiesa inferiore si trovano scene notevoli della vita di San Francesco di Giotto e Simone Martini. Nel transetto inferiore, la cappella di Santa Caterina d'Alessandria è decorata con affreschi trecenteschi di Andrea da Bologna, e il ciclo nella navata fu dipinto intorno al 1260 da un artista senza nome conosciuto solo come il Maestro di San Francesco. Nonostante secoli di deterioramento, questi sono i più importanti affreschi toscani prima di Cimabue. Nel coro della chiesa superiore e nei transetti si trovano gli affreschi di Cimabue e nella navata sono 28 le scene della vita di San Francesco attribuite a Giotto e ai suoi allievi. Sfortunatamente, questi sono stati seriamente danneggiati dal terremoto. Nella cripta, troverai un sarcofago di pietra contenente i resti del santo, portato qui durante la costruzione e perduto fino alla loro scoperta nel 19 ° secolo.

Indirizzo: Piazza San Francesco, I-06081 Assisi

Sito ufficiale: www.sanfrancescoassisi.org

2 Cattedrale di San Rufino

Cattedrale di San Rufino

Costruito nel 12 ° e 13 ° secolo, la cattedrale di San Rufino ha splendidi esempi di scultura in pietra del primo medioevo. Gli animali formano beccatelli, animali mitici arrampicano pilastri, delicate foglie si intrecciano con capitelli, santi e i loro simboli custodiscono le porte. San Francesco ha pregato nella sua cripta, che risale all'XI secolo, quando venne a predicare in chiesa. Oggi questa cripta è un luogo suggestivo, con tre navate e un'abside, dove si trova un eccezionale sarcofago romano del III secolo scolpito nel marmo. Nei chiostri è un pozzo romano. Molti dei tesori della cattedrale, sia storici che artistici e tra cui reperti romani dalla zona della cattedrale, sono ospitati nel museo. La tela a più pannelli Madonna del Rosariodipinto nel 1581 da Lorenzo Doni, affreschi del 13 ° secolo che raccontano la storia di Cristo, un bellissimo polittico di San Rufino del 1462, e un sarcofago romano del II secolo tra i momenti salienti, insieme ai dipinti di Jacopo della Quercia e Filippo Lippi.

Indirizzo: Piazza San Rufino 3, Assisi

Sito ufficiale: www.assisimuseodiocesano.com

3 Rocca Maggiore: un castello pittoresco

Rocca Maggiore: un castello pittoresco

Da Piazza di San Rufino, l'antica Via Santa Maria delle Rose sale alla Rocca Maggiore, un castello da cartolina in alto sopra la città. Originariamente una delle numerose fortezze costruite lungo le mura cittadine, fu ricostruita dal cardinale Albornoz nel 1365. L'imperatore Federico II a volte soggiornò qui quando era giovane. Il castello è buono da esplorare, in quanto è possibile ottenere una buona immagine delle tecniche di costruzione e delle viste panoramiche. Un lungo muro che si estende dalla parte principale del castello termina in una torre, intesa come un posto di guardia, che si può scalare per le viste. Un tunnel collega la torre e il castello e le passerelle lungo la parte superiore del muro sono incassate per protezione. Le mura circondano un grande verde che un tempo ospitava giardini per rifornire il castello in caso di assedio. All'interno, le figure sono vestite in costume con abiti tipici della nobiltà del XIV secolo.

Indirizzo: via della Rocca, Assisi

4 Tempio di Minerva (Tempio di Minerva)

Tempio di Minerva (Tempio di Minerva)

Il portico del Tempio di Minerva risale al primo secolo aC e fu convertito nella chiesa di Santa Maria della Minerva nel 1539. Fu ristrutturato nel 17 ° secolo in stile barocco, ma la facciata è ancora l'originale colonne romane e l'architrave . Un affresco di Giotto nella Basilica di San Francesco mostra l'edificio con le sbarre alle finestre, portando gli storici a credere che fosse usato come un carcere in epoca medievale. Accanto al tempio è la torre del 13 ° secolo del Palazzo del Capitano del Popolo.

Indirizzo: Piazza del Comune, Assisi

5 Santa Chiara

Santa Chiara

La chiesa gotica dedicata a Santa Chiara fu costruita nel 1265 per onorare l'entusiasta discepola di San Francesco che fondò l'ordine di Clarisse o Clarisse. Sotto l'altare maggiore è la tomba aperta di SanChiara, morta nel 1253. Nella Cappella del Crocefisso, sul lato sinistro della navata, è appesa la Croce Parlante dal convento di San Damiano, di fronte al quale si dice che San Francesco abbia ricevuto il messaggio di Dio " vai avanti e ricostruisci la mia casa ". L'interno è dipinto con un ciclo di affreschi della vita di Santa Chiara di vari artisti. Dall'attrattiva Piazza Santa Chiara di fronte alla chiesa è una bella vista su tutta la valle.

Indirizzo: Piazza Santa Chiara, Assisi

6 Piazza del Comune

Piazza del Comune Chris Yunker / foto modificata

Piazza del Comune è la piazza principale della città, come lo era in epoca romana quando era il foro. È possibile esplorare il sito archeologico del Foro Romano sotto la Piazza del Comune, accessibile tramite il Museo Civico, il cui ingresso è in Via Portica. Lungo un lato della piazza ci sono i Tempio di Minerva; il Palazzo del Capitano del Popolo; e il campanile, Torre del Popolo, costruito nel 1303. Ad un'estremità della grande piazza si trova una fontana con leoni di pietra.

7 Pinacoteca Comunale (Pinacoteca comunale)

Palazzo Vallemani ospita la collezione d'arte della città, in gran parte proveniente da chiese e conventi di Assisi dismessi. Le collezioni comprendono un folto gruppo di affreschi e dipinti medievali e rinascimentali su pannelli di legno e tele risalenti ai secoli XIV-XVII. Le opere più importanti sono una Maestà (Maestà) attribuita a Giotto, oltre a dipinti di Pietro Perugino, Puccio Capanna, Ottaviano Nelli, Andrea d'Assisi e Nicolò di Liberatore. Una raccolta dal titolo "Museo della memoria, Assisi 1943-1944" racconta la storia di 300 ebrei salvati dai nazisti dai francescani.

Indirizzo: Via San Francesco 10, Assisi

8 Convento francescano e San Pietro

Convento francescano e San Pietro

Sul bordo della collina a nord-ovest sorge il convento francescano iniziato poco dopo la morte del santo. Era già occupato dai frati nel 1230, ma il completamento di un insieme così vasto di edifici ha richiesto così tanto tempo che diversi stili erano diventati popolari. Il complesso risultante, costruito con pietra rosa e bianca dal vicino Monte Subasio, fonde il romanico con il gotico. Il campanile romanico fu completato nel 1239, e il cortile e il passaggio esterno, da cui si godono magnifiche vedute, furono rinnovati da Papa Sisto IV tra il 1471 e il 1484. Il convento ha un museo d'arte donato da secoli di pellegrini.

A sud del convento, oltre la Porta San Francesco, sorge la chiesa di San Pietro, con un bel portale e tre delicati rosoni. La sua austera navata è divisa in tre navate da colonne massicce. Costruito come abbazia benedettina prima del 1029, adottò la riforma di Cluny a metà del 12 ° secolo e in seguito passò ai cistercensi.

9 Convento di San Damiano

Convento di San Damiano

A sud-est del centro abitato si trova il piccolo convento di San Damiano, fondato da San Francesco. Santa Chiara fu la prima badessa e morì qui nel 1253; fu canonizzata due anni dopo. San Damiano è il luogo in cui si ritiene che San Francesco abbia ricevuto il messaggio di Dio di "andare avanti e ricostruire la mia casa", un comando che ha preso letteralmente ricostruendo la piccola chiesa con le sue stesse mani. Era un ritiro preferito per San Francesco e per i suoi seguaci, e sulla piccola terrazza fiorita di fronte al convento, si dice che abbia composto il suo famoso Cantico del Sole. È possibile visitare la chiesa, il chiostro con affreschi del primo Cinquecento di Eusebio di San Giorgio, il convento e i giardini del convento. Il complesso di San Damiano fa parte del sito inscritto dall'UNESCO, come "essenziale per la comprensione del risveglio religioso di San Francesco, oltre ad essere il convento di Santa Chiara".

Indirizzo: Via San Damiano 85, Assisi

10 Chiesa Nuova

Chiesa Nuova

Un po 'a sud del Palazzo Comunalea livello inferiore si trova la Chiesa Nuova (1615), una piccola chiesa su un piano centralizzato, eretta su quello che si pensava fosse il sito della nascita di San Francesco. Visitando Assisi nel 1613, il Vicario Generale spagnolo dei Francescani vide la condizione fatiscente della casa di Pietro di Bernardone, ritenuta la città natale di San Francesco. Con un regalo del re Filippo III di Spagna fu in grado di acquistare la casa, e la chiesa fu costruita con il suo altare maggiore su quella che era considerata la stanza di San Francesco. La chiesa in stile tardo rinascimentale è decorata con affreschi seicenteschi di Cesare Sermei e Giacomo Giorgetti. C'è un piccolo museo nel convento adiacente.

Dove alloggiare ad Assisi per visite turistiche

Consigliamo questi affascinanti hotel ad Assisi vicino alle principali attrazioni come la città vecchia e la Basilica di San Francesco:

  • Nun Assisi Relais & Spa Museum: lusso a 5 stelle, monastero medievale in pietra, elegante spa, arredi bianchi, piscina coperta.
  • Hotel La Terrazza & SPA: hotel a 3 stelle, a conduzione familiare, vista sulla valle, bella piscina all'aperto, spa rilassante.
  • Hotel Sorella Luna: prezzi di fascia media, a pochi passi dalla Basilica di San Francesco, edificio storico, letti confortevoli.
  • Hotel Porta Nuova: tariffe convenienti, posizione eccellente, personale disponibile, panorami bucolici.

Gite di un giorno da Assisi

Santa Maria degli Angeli

Santa Maria degli Angeli

A sud di Assisi, sulla SS 75, nel piccolo paese di Santa Maria degli Angeli, si trova la massiccia chiesa rinascimentale a cupola di Santa Maria degli Angeli. Fu costruita tra il 1569 e il 1630 sopra l'oratorio di San Francesco (Porziuàncola) e la cella in cui morì. La navata e il coro sono stati ricostruiti dopo il terremoto del 1832 e una nuova facciata è stata aggiunta nel 1925-28. Ad est della sagrestia c'è un piccolo giardino dove si ritiene che le rose siano state senza spine da un atto di penitenza del santo.Adiacente è la Cappella delle Rose con pregevoli affreschi di Tiberio d'Assisi, del 1518, raffiguranti scene della vita del santo.

Le Carceri

Le Carceri

In un'incantevole posizione ad est di Assisi, in un piccolo bosco di lecci sopra un burrone tra le nude pareti rocciose del Monte Subasio, si trova l'eremo di Le Carceri dove San Francesco si ritirò per le sue devozioni. Queste erano originariamente grotte, ma tra il XV e l'inizio del XIX secolo, un piccolo monastero cresceva gradualmente nella grotta del santo. Puoi vedere il suo letto di roccia qui. Dal monastero, è una salita di un'ora e mezza sull'ampio crinale del Monte Subasio, ad un'altitudine di 1.290 metri, con vista panoramica. È possibile guidare sul Monte Subasio a Spoleto.