Alla scoperta di El Djem: una guida per i visitatori

El Djem - Anfiteatro

La più grande attrazione turistica storica della Tunisia è il gigantesco anfiteatro dalle pietre dorate di El Djem, un tempo palcoscenico di sanguinose battaglie gladiatorie in epoca romana. Anche per i viaggiatori in Tunisia che sono principalmente qui per una vacanza al sole e mare, questo sito patrimonio dell'umanità dell'UNESCO, a metà strada tra Sousse e Sfax, è un must-do. La posizione dell'anfiteatro, che incombe sulla campagna piatta e arida, si aggiunge al suo fascino drammatico. Girovagare per le sue arcate e poi avventurarsi nei corridoi sotterranei e nelle celle sottostanti l'arena consente ai visitatori un notevole senso non solo dell'uso di questa struttura, ma anche del potere che l'Impero Romano possedeva una volta su questa terra.

Storia

El Djem è stato fondato sin dal III secolo aC, quando qui vi era un insediamento punico, ma iniziò a guadagnare importanza solo dopo che Cesare fondò la città di Thysdrus in questo sito nel 46 aC. Thysdrus giaceva in mezzo a una grande regione olivicola, e poiché l'olio d'oliva era molto richiesto a Roma durante quel periodo, la città prosperò rapidamente per diventare il principale centro olivicolo del Nord Africa. Con una popolazione compresa tra 20.000 e 30.000, la città ha accumulato enormi ricchezze, molte delle quali - come in altre città romane - sono state spese per l'erezione di edifici pubblici e case private.

Il anfiteatro, iniziato alla fine del II secolo d.C., è stato progettato per essere un simbolo di questa prosperità. Ma mentre era ancora in costruzione, il declino di Thysdrus iniziò con la reintroduzione di una tassa sull'olio d'oliva nel 238 d.C. La tassa scatenò una ribellione, che si diffuse attraverso la Tunisia. Un folto gruppo di proprietari terrieri, con l'aiuto dei juvenes (una specie di corpo di addestramento degli ufficiali o milizia), assassinò il procuratore imperiale, il principale funzionario finanziario della provincia, e proclamò un proconsole ottantenne, Gordiano, come imperatore. La rivolta fu repressa e la città saccheggiata, con Thysdrus che non si riprendeva mai da questo colpo.

Successivamente, l'anfiteatro fu trasformato in una fortezza e nel 699 dC servì come rifugio per il capo dei berberi El Kahina durante la sua lotta contro gli invasori arabi. Dopo la loro vittoria, la città fu abbandonata e il sito fu rioccupato solo durante il periodo coloniale francese.

L'anfiteatro

L'anfiteatro

Il possente anfiteatro di El Djem è il quarto più grande del mondo romano, solo dopo il Colosseo di Roma; l'anfiteatro di Pozzuoli vicino a Napoli; e quello di Cartagine, di cui poco sopravvive. Le sue dimensioni colossali e la sua eccellente conservazione gli hanno dato il soprannome di Colosseo africano.

Di forma ovale, l'anfiteatro è lungo 149 metri e largo 122 metri (rispetto al Colosseo di Roma, che misura 188 metri per 156 metri). È anche di altezza impressionante (40 metri), che sarebbe stato ulteriormente aumentato dalle vele di tela (vela) che proteggevano il pubblico dal sole.

Vista Arena

Ha fornito posti a sedere per oltre 30.000 spettatori (secondo alcune stime 60.000), che hanno assistito a eventi sportivi, sanguinosi contesti gladiatori e massacri di criminali da parte di animali selvatici allestiti nell'arena. Era quindi troppo grande per una città delle dimensioni di Thysdrus, ed era evidentemente intesa come una dimostrazione della potenza e della prosperità della città.

Sebbene l'anfiteatro sia stato utilizzato per secoli come una cava di pietra da costruzione, è riuscito a sopravvivere nei secoli meglio conservati rispetto al Colosseo di Roma. Solo due terzi del circuito di mura con le loro tre storie di arcate sono sopravvissuti. Il lato nord-ovest fu fatto esplodere nel 1695 per ordine degli ottomani Bey per impedire che venisse usato come una roccaforte dai ribelli berberi, che si erano spesso trincerati all'interno delle sue mura.

Ognuna delle tre storie aveva originariamente 30 archi, di cui rimangono in tutto 68. Poco rimane dei livelli di posti a sedere all'interno, ma sotto l'arena (che misura 65 metri per 37 metri), i visitatori possono vedere due intersezioni passaggi sotterranei (scavati nel 1908) attraverso i quali gli animali selvatici e le loro vittime entrarono nell'arena. Su entrambi i lati dei passaggi c'erano le gabbie per gli animali e le celle per i prigionieri. All'ingresso si trova una scalinata che porta ai livelli superiori dei portici, da cui si gode una bella vista dell'anfiteatro e della città.

Panorama dell'Anfiteatro

Museo Archeologico El Djem

Mosaico nel museo Dennis Jarvis / foto modificata

Anche se l'anfiteatro è il principale punto di interesse, al di fuori del centro di El Djem (sulla strada per Sfax), il Museo Archeologico El Djem è una valida aggiunta a una visita. Il museo contiene esposizioni di oggetti romani (lampade ad olio, monete, vasi di terracotta) e una serie di bei mosaici con decorazioni geometriche, vegetali e animali che sono stati tutti portati alla luce nella zona e un tempo decoravano le ville dei ricchi proprietari terrieri romani. Un certo numero di altri mosaici scavati nella zona di El Djem sono esposti a Tunisi Museo del Bardo.

Sito archeologico di El Djem

Macerie romane nel sito archeologico di El Djem damian entwistle / foto modificata

Immediatamente oltre il Museo è il sito archeologico di El Djem, dove sono stati scavati i mosaici del museo. Alcuni mosaici sono stati lasciati in situ. In particolare, il Casa del pavone (Maison du Paon) e il Casa di Sollertiana entrambi hanno dei bellissimi mosaici ancora sul posto nei loro piani. Sul lato opposto della strada, oltre la ferrovia, c'è un piccolo anfiteatro risalente al I secolo a. Tra i due anfiteatri vi sono altri resti dell'antico Thysdrus, con resti di grandi ville e un complesso di bagni.