8 attrazioni turistiche top-rated a Tabarka

Mentre i turisti stranieri affollano Djerba, Hammamet e Sousse per le loro vacanze di sabbia e mare, Tabarka è la località balneare tunisina di molti locali. La costa rocciosa, con le sue spiagge sabbiose e l'acqua cristallina (un paradiso per i pescatori), e l'entroterra collinare densamente boscoso fanno di questo un centro turistico molto popolare. Oltre alle numerose delizie sabbiose nella zona, Tabarka è una base ben posizionata per addentrarsi nelle numerose attrazioni turistiche della Nuova Tunisia settentrionale con i siti romani di Dougga e Bulla Regia entrambi facilmente raggiungibili

1 Forte genovese

Forte genovese

All'interno della stessa città di Tabarka, il principale punto di riferimento e punto di interesse è il Forte Genovese, che si trova su un'isola appena al largo del centro. I resti del forte sono scarsi, ma un viaggio qui - attraverso la strada rialzata di 400 metri che lo collega alla terraferma - vale la pena per gli eccellenti panorami costieri. Il forte risale alla metà del 16 ° secolo, quando Tabarka passò sotto il dominio dei Genovesi, ma incorpora anche alcune fortificazioni successive costruite dagli Ottomani.

Per ulteriori cose da fare in città dopo aver visto il forte, passeggiare nel centro per vedere lo storico Hotel de France su Avenue Habib Bourguiba, dove Habib Bourguiba (il fondatore della moderna Tunisia), Mongi Slim e Habib Achour furono internati nel 1952. I ricordi di queste tre importanti figure della storia tunisina sono ora esposti nelle stanze che occupavano. Quindi cammina per altri 100 metri fino al basilica, che è in realtà i resti di una cisterna romana del 3 ° o 4 ° secolo che i Pères Blancs (Padri bianchi) si trasformarono in una chiesa a tre navate.

Ubicazione: lungomare di Tabarka

Alloggio: Dove dormire a Tabarka

2 Bulla Regia

Bulla Regia

Bulla Regia è uno dei siti romani più importanti della Tunisia e offre un'eccellente gita di un giorno Tabarka. Il sito contiene i resti di terme, cisterne, templi, a Teatro, a Forum e una serie di belli del 3 ° e 4 ° secolo ville. La maggior parte delle antiche stanze della villa sono sepolte sottoterra, un metodo unico di costruzione che forniva protezione agli abitanti dal caldo estivo. A causa di questa architettura sotterranea, i mosaici pavimentali di Bulla Regia sono stati straordinariamente ben conservati. Molti dei migliori mosaici sono stati portati al Museo del Bardo a Tunisi, ma alcuni sono ancora in situ.

Ubicazione: 65 chilometri a sud di Tabarka

Bulla Regia Map

3 Dougga

Dougga

Le rovine di Dougga, patrimonio mondiale dell'UNESCO, sono comunemente considerate una delle città romane meglio conservate in Africa. Il sito, circondato da uliveti e pascoli, gode di un'ottima posizione e le rovine drammatiche coprono un'area di circa 25 ettari. A differenza della maggior parte delle città romane, Dougga non era strutturata a scacchiera regolare. Invece, le strade qui formavano un labirinto tortuoso. Non perdere la bellezza Teatro, costruito sul fianco della collina nel 161 d.C. Tempio di Saturno appena al suo nord, e il notevole e molto impressionante Capitol Temple, dedicato a una triade di dei: Giove, Giunone e Minerva.

Ubicazione: 128 chilometri a sud di Tabarka

Mappa di Dougga

4 Chemtou

Chemtou Carole Raddato / foto modificata

L'antica città di Simitthus (moderno Chemtou) giace all'intersezione di due importanti strade tra Cartagine e Ippopotamo Regius (in Algeria) e tra Sicca Veneria (Le Kef) e Thabraca (Tabarka). L'attrazione turistica più importante qui è la collina Santuario sulla cima di Djebel Chemtou, dedicato al dio punico Baal-Ammon. Sebbene rimangano solo i resti del monumentale altare in marmo, molti elementi architettonici riccamente decorati del Santuario sono stati riportati alla luce durante gli scavi e ora possono essere visti nel museo del sito.

L'area archeologica copre l'attuale sito cittadino (alla base della collina), dove sono stati effettuati solo scavi parziali; un campo di lavoro risalente al 154 d.C., dove un gran numero di schiavi e sfortunati lavoratori erano condannati ai lavori forzati nelle vicine cave di marmo e alle cave stesse. A sud del sito ci sono i resti mastodontici di a Ponte romano sdraiato lungo le rive del fiume Medjerda. Crollò durante un'alluvione nel 4 ° secolo.

Ubicazione: 91 chilometri a sud di Tabarka

Mappa di Chemtou

5 Spiagge

Spiagge Charlie Lewis / foto modificata

Tabarka è una popolare destinazione balneare locale con famiglie tunisine e diversamente dalle località di Hammamet, Sousse e Djerba, è improbabile che incontriate turisti stranieri qui. Durante i mesi estivi, la città di fronte alla striscia di sabbia si riempie di gente del posto che si gode una pausa sulla spiaggia. Per una giornata più tranquilla in spiaggia, vai da Tabarka. A ovest della città, verso il confine con l'Algeria, ci sono molte piccole spiagge di ghiaia, spesso vuote anche durante il fine settimana estivo. Ad est sono bellissime, lunghe strisce di sabbia e tutto ciò che le altre località tunisine possono offrire.

6 Isole La Galite

Immersione di relitti al largo delle isole La Galite

A circa 60 chilometri dalla costa a nord-est di Tabarka, le isole rocciose di La Galite sono disabitate tranne che per l'isola principale del gruppo, dove la gente del posto si guadagna da vivere prendendo il gambero. Nell'antichità, l'isola principale era conosciuta come Galathea, e qui i Fenici avevano un ancoraggio. Sparse per le pianure dell'isola sono tombe puniche, resti romani, cave abbandonate e grotte, che sono un'avventura da esplorare.Ma per molti visitatori di queste isole, le principali attrazioni turistiche sono sott'acqua - immersioni subacquee eccellenti vi attendono appena al largo delle coste delle isole. Non vi è alcun servizio regolare di traghetti per il gruppo di isole, ma il passaggio di solito può essere organizzato su una barca da pesca Tabarka o Biserta.

7 Les Aiguilles

Les Aiguilles

A ovest del vivace porto peschereccio di Tabarka si trovano i pinnacoli rocciosi di Les Aiguilles che si affacciano sulla costa. Questi aghi color arenaria color ocra volano dal mare fino a 25 metri di altezza. Sono stati indossati in queste forme bizzarre dagli effetti atmosferici dell'erosione; la pietra tagliuzzata via dal vento e dall'azione dell'acqua attraverso i millenni. È una facile passeggiata di 10 minuti dal porto alle rocce lungo la strada costiera, e questo è un ottimo posto per le foto al tramonto.

8 Bordj Messaoud

Mercanti di Marsiglia e Padova convertirono questo antico complesso di cisterne in una fortezza durante il 12 ° secolo. Nel 18 ° secolo, fu nuovamente ampliato e rafforzato dagli Ottomani. Più a sud-ovest si trova la fortezza ottomana e il complesso di cisterne di Bordj el Djedid, che gli ingegneri francesi hanno rimesso in funzione alla fine del 1880. Entrambe sono ora in stati rovinosi, e sebbene le cisterne siano un'impresa impressionante di ingegneria, solo il più appassionato amante della storia o l'archeologo probabilmente si godrebbe una visita.

Mappa Tabarka - Attrazioni