Toledo, Spagna: l'altro lato di un tempo

La città spagnola di Toledo ha conservato in modo impressionante il suo patrimonio artistico e culturale sotto forma di chiese, palazzi e moschee.

È uno spettacolo al tramonto panoramico con vista sui tetti di tegole rosse, alti campanili e le quattro torri dell'Alcazar, l'antica fortezza inframmezzata da uliveti. Questo è il paese spericolato del Don Chisciotte, un cocktail inebriante di tre culture: cristiano, ebreo e musulmano, tutti intrecciati per fare un ricco passato di architettura e cucina. Governato dai Romani, dai Visigoti e dai Mori, sembra che la città sia stata sollevata direttamente dalle Mille e una notte. Siamo al Parador de Toledo, un maniero moresco trasformato in un hotel governativo e il luogo preferito per avere una vista a volo d'uccello di questa città storica. È stata questa prospettiva che ha ispirato il famoso pittore El Greco a dipingere l 'Veduta di Toledo'Che oggi si trova al Metropolitan Museum of Art di New York.

Toledo

Toledo fu la capitale politica della Spagna fino al 1561, quando Filippo II si trasferì a Madrid. La nostra guida ci ha detto che rimane ancora il centro spirituale e religioso del paese. Situato su una collina rocciosa in un burrone del Fiume Tajo, questa città è un ritratto in pietra color seppia, pieno di chiese storiche, sinagoghe e castelli. Rondini in picchiata in alto e chiazze di papaveri rossi animano il paesaggio altrimenti sterile della Spagna centrale. 10.000 persone vivono ancora all'interno delle sue mura antiche.

Il nostro Hotel Hacienda Del Cardenal è una storica residenza cardinalizia del XVIII secolo con un ambiente moresco, situato vicino alla vecchia porta della città di Alfonso VI. I giardini sono una replica di quelli trovati in Alhambra e hanno fontane che scorrono in lunghe pozze. Nelle vicinanze c'è un impressionante insieme di scale mobili pubbliche e passerelle coperte che si snodano sinuosamente sotto le antiche mura della città da un garage sotterraneo.

Parla di antico incontra moderno! Camminiamo con la nostra guida Fernando, attraverso il Porta della città che ha un'aquila bicipite scolpita su di esso (il simbolo della città) in cortili verdeggianti e vicoli tortuosi, fiancheggiata da vecchie case aristocratiche e balconi pieni di gerani. Le alette dorate brillano sui tetti ei nidi delle cicogne possono essere visti sui campanili. Segnali stradali piastrellati e targhe al di fuori di monumenti storici e antichi beni culturali ci aiutano a navigare nella città. Il fiume Tajo scorre sopra gli sbarramenti sotto antichi ponti di pietra.

Dall'altra parte del fiume ci sono i cigarrales, case storiche di famiglie benestanti, immerse in frutteti di fichi. Questi sono stati convertiti in alloggi di lusso. Toledo fu un grande insediamento ebraico fino a quando la regina Isabella, nel 1492, chiese loro di convertirsi al cattolicesimo o di andarsene. Mi è piaciuta l'architettura Mudejar unica, un mix di gotico e islamico che è sorprendente con i suoi archi e mattoni a motivi geometrici. L'Alcazar sulla collina era un forte romano e anche la posizione di un assedio di due mesi durante la guerra civile. Oggi è un museo militare.

Fiume Tajo

La Cattedrale, una magnum opus di stile gotico, è una delle più belle che io abbia mai visto. Ha pilastri che si ergono come una foresta di pietra e oro dorato su legno. Si ritiene che solo la sua struttura scheletrica nuda abbia richiesto 267 anni per essere costruita. Non potei fare a meno di premere il naso sulle teche di vetro del Tesoro mentre guardavo un gioiello gigantesco, ostensorio d'argento incrostato del peso di 430 libbre e copie squisite della Bibbia, copiate a mano dai monaci francesi. Non è solo una chiesa. La sagrestia è come un mini museo pieno di classici di maestri come Goya, Rubens e Caravaggio.

El Greco, l'artista di Creta, che ha trovato le commissioni dei re spagnoli regna sovrano con il suo famoso dipinto, "La rovina di Cristo" che abbellisce le pareti della sacrestia. Francisco de Quevedo, il famoso scrittore, una volta disse: "Creta gli ha dato la vita ma Toledo gli ha dato i pennelli dell'artista". Siamo rimasti incantati dai paramenti regali esposti in vetro e dalla galleria dei ritratti degli arcivescovi con il suo soffitto e i murales dipinti a mano Scene bibliche Il mio preferito rimane l'altare barocco con la luce che scorre attraverso un foro nel soffitto chiamato 'El Transparente’. È un tripudio di angeli, nuvole e cherubini e fu fatto per illuminare la cattedrale poco illuminata. È surreale vedere cappelli impolverati e rossi, appesi al soffitto per segnare i punti in cui è sepolto un cardinale. Il pezzo forte è il coro con i suoi sedili in noce a due piani intrecciati con scene di guerra.

Foto di Nikthestoned

La leggenda narra che una donna del posto abbia pregato la Vergine Maria per il ritorno del fidanzato dalla guerra. Disse alla sua cameriera di infilarsi una spilla in lei ogni volta che si addormentava, così che la sua veglia alla chiesa fosse ininterrotta. Offrì questa spilla alla Vergine Maria come prova della sua devozione e fu riunita al suo fidanzato. Ancora oggi Little Pin Street, varie offerte di spille affollano la finestra della chiesa! Il marzapane su commissione e l'argenteria decorata sono la specialità della città. Assolutamente da provare è la sfogliatina frolla Tolledana, piena di ciocche zuccherine di capelli d'angelo (che in realtà è la zucca). Il più famoso di Toledo per le sue fini lame d'acciaio, spade e coltelli, una tradizione che risale ad Annibale e all'esercito romano.Nei negozi sono schierati rapaci, sciabole e sciabole da scherma e cavalieri armati.

Si ritiene che persino il samurai giapponese abbia viaggiato qui per imparare l'arte della fabbricazione della spada. La nostra guida ci disse che film come Il Signore degli Anelli e il Gladiatore usavano le spade fatte a Toledo! Gli indiani tendono a trovare l'arte locale (che testimonia l'artigianalità dei musulmani nella Spagna cristiana) familiare al lavoro di Bidri da Hyderabad. Questo è chiamato damascene, dove l'acciaio nero è decorato con fili d'oro e d'argento per creare intricati disegni.

Foto di Joseac

Alla sera, ci siamo seduti nei giardini aperti del nostro hotel a gustare il manchego di capra locale e la sangria e abbiamo guardato gli antichi bastioni immersi nella morbida luce del sole. A Toledo il passato è ancora vivo.

Come arrivare là:

Toledo è a soli 71 km da Madrid. Puoi prendere un autobus o noleggiare un'auto. Il modo più semplice per arrivarci è con il treno ad alta velocità AVE che impiega solo 35 minuti.

Dove alloggiare:

Hacienda Del Cardenal è una residenza del Cardinale del XVIII secolo restaurata in un hotel di marca Best Western. Si tratta di un edificio storico accanto alle mura della città con un giardino moresco e padiglioni. Le camere doppie iniziano a circa 105 euro a notte. www.hostaldelcardenal.com.

Cosa mangiare:

La città è famosa per i suoi stufati, agnello arrosto, maialino e fave.

Cosa comprare:

Marzapane, dolce locale chiamato Toledana, formaggio Manchego, stoffa ricamata, vini locali, coltelli e spade.

Di Reema Bhalla

"